Campagna Tesseramento 2024
arianna formazione
Coronavirus
Servizi in rete per te

Riscossione imposta bollo: il servizio in modalità telematica

In caso di operazioni errate, durante lo svolgimento del servizio di emissione di contrassegni in modalità telematica, si può incorrere in alcuni errori, sia nel corso della stampa dei contrassegni, che nelle operazioni di ricarica che causa di un guasto del terminale Lis Printer.

Nella maggior parte dei casi è possibile rimediare all’errore procedendo all’annullamento del contrassegno stampato erroneamente, sempre che l’operazione non sia stata registrata a Sistema centrale (generalmente entro i due scarichi Log successivi all’operazione errata).

Tale operatività è sempre da preferire in considerazione dell’annullamento immediato dell’operazione e delle conseguenze derivanti dall’operazione errata, prima fra tutte la tempistica prevista per il rimborso.

Sappiamo, tuttavia, che spesso non si riesce a rimediare all’errore verificatosi, rispettando le tempistiche che il servizio impone, a causa della fretta del cliente o della numerosità dei clienti in attesa.

In ogni caso, la Convenzione, per il servizio di riscossione prevede la possibilità per i rivenditori di richiedere, alla Direzione Provinciale dell’Agenzia delle Entrate competente per territorio, il rimborso dei crediti acquistati ed effettivamente pagati, in caso di:

• errore nell’operazione di ricarica borsellino, eseguita su un borsellino o per un importo diverso da quello voluto;

• errore nella stampa dei contrassegni;

• credito residuo alla cessazione dell’attività;

• guasto del terminale di emissione.

A tal fine l’Agenzia delle Entrate ha predisposto un apposito modello che, in sede di presentazione, dovrà essere corredato degli allegati previsti e dei contrassegni in originale ove indicati.

L’Agenzia delle Entrate, verificata la legittimità della richiesta, procederà all’accredito delle somme spettanti sul medesimo conto di pagamento utilizzato per il servizio ovvero sul conto di pagamento indicato nell’istanza.

In presenza di insoluti da parte dell’intermediario, il rimborso viene sospeso fino alla relativa regolarizzazione.

Il documento (di cui pubblichiamo il fac-simile. NdR) da utilizzare per il rimborso è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate www.agenziaentrate.gov.it.

La Voce del Tabaccaio

VDT numero 18 dell' anno 2024

Numero 18 dell'anno 2024

vedia altri numeri

Chi Siamo

La Federazione

Il gruppo FIT

x