Cerca quella più vicina:

 Arianna Formazione

Banca ITB

FAQ Terminale FIT

 

 

Cosa posso fare con questo terminale?

Aprendo un conto corrente con Banca ITB è possibile effettuare operazioni di pagamento di carattere bancario che consentono di ampliare la gamma dei servizi offerti alla clientela e gestire comodamente dalla rivendita il proprio conto corrente. Con questo terminale è inoltre possibile gestire il magazzino tabacchi, effettuare l’ordine tramite Logista, monitorare costantemente le proprie scorte e, di conseguenza, ottenere una proposta d’ordine generata in automatico.

Quali servizi di pagamento posso offrire alla mia clientela grazie a Banca ITB?

Con Banca ITB, è possibile accettare il pagamento dei seguenti servizi:

  • Bollettini Bancari MAV, RAV e Freccia
  • Bollettini Postali "smaterializzati" TD896, TD674, TD123 e TD451.
  • Tributi Equitalia (con attualizzazione dell’importo).
  • Avvisi di Pagamento emessi dal Gruppo Intesa Sanpaolo.
  • Canone RAI.
  • Bollo Auto (in corso, arretrato, rimorchi, autoveicoli ad uso speciale, motocarri di cilindrata sup. ai 500 cc). Servizio abilitato per: Valle d’Aosta, Lombardia, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Abruzzo, Umbria, Lazio, Puglia, Basilicata, Molise e Calabria.
  • Pagamento Deleghe F24 per tributi IMU e TARES.
  • Voucher INPS (Emissione, Riscossione e Rimborso) .
  • Ricariche delle Carte Postepay e delle Carte Prepagate emesse dal Gruppo Intesa Sanpaolo.
  • Ricariche delle SIM di TIM, Vodafone e WIND.

Qual è il mio margine di guadagno sui servizi di pagamento offerti alla clientela?

  • per ogni Bollettino Bancario pagato viene riconosciuto al tabaccaio un compenso di 1,20 euro. Il cliente finale paga una commissione di 2 euro.
  • per ogni Bollettino Postale pagato viene riconosciuto al tabaccaio un compenso di € 0,80. Il cliente paga una commissione di 2 euro. Fino al 30 Giugno 2014, sui pagamenti di bollettini Enel, Telecom, A2A, Acea ed Eni,  Banca ITB riconosce un compenso di € 1,20 per i clienti titolari di Conto T+, T-Base, T-Pro, ITBase e ITBplus; per i clienti titolari di Conto T,  il compenso di € 1,20 per questi bollettini viene riconosciuto fino al 30 Aprile 2014.
  • per ogni Tributo Equitalia pagato viene riconosciuto al tabaccaio un compenso di € 1,20. Il cliente finale paga una commissione di € 2,00.
  • Per ogni Avviso di Pagamento pagato viene riconosciuto al tabaccaio un compenso di € 1,40. Il cliente finale paga una commissione di € 2,00.
  • per ogni Canone RAI pagato viene riconosciuto al tabaccaio di € 1,30. Il cliente finale paga una commissione di € 1,55.
  • per ogni Bollo Auto pagato viene riconosciuto un compenso al tabaccaio un compenso di € 1,30. Il cliente finale paga una commissione di € 1,87 (il servizio è gratuito per chi vive in provincia di Bolzano).
  • per ogni Delega F24 pagata (per tributi IMU e TARES) viene riconosciuto al tabaccaio un compenso di € 1,20. Il cliente finale non paga alcuna commissione.
  • Per ogni emissione di Voucher INPS viene riconosciuto al tabaccaio un compenso di € 0,75, inoltre ogni € 10,00 di voucher emessi un ulteriore compenso di € 0,20. Il cliente finale paga € 1,00 per ogni emissione. Per riscossione e rimborso viene riconosciuto al tabaccaio un compenso di € 0,30 ogni € 10,00 rimborsati o riscossi. Per riscossione e7o rimborso il cliente non paga alcuna commissione
  • Il servizio di pagamento delle Ricariche Telefoniche garantisce al tabaccaio un compenso maggiore rispetto allo standard di mercato.
  • Per ogni ricarica Postepay viene riconosciuto un compenso al tabaccaio di € 0,80 a partire dalla 26° ricarica. Il cliente paga una commissione di 2 euro.
  • Per ogni ricarica di una carta prepagata del Gruppo Intesa Sanpaolo viene riconosciuto al tabaccaio un compenso di € 0,80 (dalla prima ricarica). Il cliente paga una commissione di 2 euro.

L’aggiornamento del prezzo dei tabacchi avviene in automatico?

Sì, l’aggiornamento dei prezzi dei generi di monopolio è registrato in tempo reale. Il carico e lo scarico del magazzino avviene valorizzando i prodotti secondo il prezzo aggiornato. Inoltre, un messaggio stampabile fornirà i dettagli degli aumenti intercorsi.

Qual è il tempo massimo per mandare l’ordine del tabacco sul terminale?

Le regole sono le stesse che sono applicate sul portale Logista, a mezzogiorno del terzo giorno prima della consegna.

Si possono installare altri software sul terminale?

No, per motivi di sicurezza il terminale accede ad una piattaforma home banking sulla quale risiedono soltanto i software messi a disposizione. Non è possibile gestire autonomamente l’installazione di altro software.

Devo dare disdetta del pos delle ricariche?

No. Con questo terminale avremo più guadagni per i servizi erogati. I guadagni aumentano in virtù dell’ottimizzazione della operatività e per il fatto che c’è la possibilità di offrire un gamma più ampia di servizi.

I rotolini chi li paga? Come li posso ordinare?

Il costo dei rotolini è a carico del tabaccaio. Ogni confezione, del costo di 40 euro, contiene 18 rotolini. E’ prevista una funzionalità sul terminale che permette di inoltrare l’ordine. La consegna avviene direttamente in rivendita insieme al tabacco.

E’ un registratore di cassa?

Non è un registratore di cassa. Il terminale però consente di stampare scontrini non fiscali funzionali all’erogazione del servizio che si sta prestando.

Che caratteristiche deve avere la linea ADSL in Tabaccheria per chi vuole continuare ad utilizzare la propria linea privata?

Il collegamento ADSL del tabaccaio dovrĂ  rispettare i seguenti prerequisiti minimi:

  • Il contratto deve essere Full Internet con tariffazione flat (non a consumo)
  • Il collegamento potrĂ  essere di tipo Wi-Fi solo nel caso in cui il router installato abbia una porta libera a cui collegare il terminale Olivetti
  • Il collegamento potrĂ  essere di tipo VoIP solo nel caso in cui il router installato abbia una porta libera a cui collegare il terminale Olivetti
  • Il router esistente dovrĂ  essere di proprietĂ  del cliente e non in comodato d’uso; in quest’ultimo caso sarĂ  cura del cliente verificare con il proprio Services Provider la possibilitĂ  di modificare l’impianto attivo con l’installazione di un nuovo router.

In tutti i casi non ricompresi in tale casistica non sarà possibile attivare la connettività VPN verso i sistemi di Banca ITB. Il tecnico a domicilio incaricato da Telecom Italia avrà la sola responsabilità di verificare la rispondenza tecnica dei punti 2 e 3 a quanto dichiarato al fine di procedere all’attivazione della VPN. Telecom Italia non sarà in alcun caso ritenuta responsabile di disservizi e/o di fatturazione al tabaccaio in caso di utilizzo di linea a consumo (a tempo o a volume), effettuata dal Service Provider erogatore dei servizi Full Internet.

Nel caso di cessazione della linea prima della scadenza del contratto quali costi mi saranno addebitati?

Nel caso in cui si cessi la linea prima dei 36 mesi contrattuali, verranno addebitati i costi per ciascun mese mancante alla scadenza del contratto.

Dopo aver firmato il contratto cosa dovrò fare?

Dopo aver firmato il contratto dovrà essere effettuato un bonifico di almeno 5,00 € al C/C che le sarà indicato, per assolvere agli obblighi previsti dalla normativa antiriciclaggio in tema di identificazione a distanza dei soggetti (Dlgs 231/2007). Successivamente verrà effettuato l’intervento tecnico per:

  • L’ installazione linea ADSL o approntamento linea preesistente ad opera dei tecnici Telecom;
  • L’installazione del Terminale da parte dei tecnici di Olivetti. Ai clienti in possesso del terminale M205, i tecnici Olivetti rilasceranno anche la busta contenente le Carte che permetteranno di operare sul terminale. In seguito Banca ITB invierĂ  una busta (Welcome KIT) contenente la password di attivazione Carte che le permetteranno di operare sul terminale con i servizi di Banca ITB (Conto Corrente, T-PAY e T-POS).

A chi posso rivolgermi per avere ulteriori informazioni?

E’ possibile richiedere informazioni all’Ufficio provinciale FIT di appartenenza, inoltre sono a tuadisposizione un numero verde dedicato, 800.813.813, e un indirizzo e-mail, sindacaticonvenzionati@bancaitb.it In alternativa è possibile reperire informazioni nell’area “Trasparenza” e/o nell’area “La Nostra Offerta” del sito www.bancaitb.it.