Cannabis, Risso: “Poca chiarezza, meglio aspettare!”

Recenti articoli di stampa riportano la notizia della vendita in alcune tabaccherie della cosiddetta marijuana legale.

A questo proposito, Giovanni Risso, Presidente Nazionale della Federazione Italiana Tabaccai, chiarisce: “Senza entrare nel merito della legalità della vendita di tale prodotto, la FIT ha già da tempo interessato le autorità competenti, chiedendo a queste di pronunciarsi sulla vendita della marijuana legale in tabaccheria”.

“In attesa di risposta – conclude il Presidente Risso - sconsigliamo comunque i tabaccai dal vendere prodotti a base di cannabis light. Con l’auspicio che qualora si propendesse per la legittimità della vendita, si riconosca ai tabaccai la medesima posizione di chi ad oggi si è avventurato sul mercato incurante di divieti o prescrizioni”.

 

 

Sigarette elettroniche, Risso: "Bene stop a far west, ora si lavori a sviluppo mercato" 

“È un bene che un mercato come quello delle sigarette elettroniche, finora distorto dall’assenza di regole certe, sia stato finalmente regolamentato e che si stia ragionando su un sistema di tassazione unico che ne permetterà la giusta crescita all’interno di un sistema controllato”.

Queste le parole del Presidente Nazionale della Federazione Italiana Tabaccai, Giovanni Risso, a commento di quanto stabilito dal Senato in seguito all’emendamento Vicari al DL Fisco.

“Trovo particolarmente importante – ha aggiunto Risso – che si sia posto un freno al far west delle vendite on line e soprattutto che, attraverso l’affidamento della vendita alle tabaccherie ed a rivenditori specializzati ed autorizzati, si vogliano tutelare la salute pubblica e le casse dello stato”.

“Ora – ha concluso il Presidente Nazionale della FIT – si lavori ad un intesa comune che possa favorire, con il vantaggio di tutte le parti, lo sviluppo di un mercato così importante”.

Casero: “Ragionevole la posizione dei tabaccai”

“Sull’obbligo dei pagamenti tramite Pos, le osservazioni dei tabaccai mi sono sembrate più che ragionevoli. Chiamerò quindi la Federazione Italiana Tabaccai a sedersi quanto prima, presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, ad un tavolo tecnico sulla materia”.

Queste le parole del Viceministro dell’Economia e Finanze, Luigi Casero, a seguito dei contatti avuti con la FIT.

 “Siamo assolutamente favorevoli ad una maggiore diffusione della moneta elettronica che ci porterebbe grandi vantaggi in termini di sicurezza. Ben vengano quindi i pagamenti tramite Pos ma – ha commentato Giovanni Risso, Presidente Nazionale della FIT - si tenga presente la peculiarità della nostra attività che rende impossibile sostenere oneri di gestione troppo alti rispetto ai nostri margini commerciali. Per questo, saluto con piacere la notizia della prossima convocazione da parte del Viceministro Casero”.

Vendita della “cannabis light”. Risso “Chiediamo chiarezza normativa”

Negli ultimi tempi è salita alla ribalta delle cronaca la vendita del prodotto comunemente denominato “cannabis light”.

Anche presso alcune tabaccherie d’Italia, oltre che attraverso altri esercizi commerciali e la rete internet, è iniziata la vendita di tale prodotto.

Come Federazione sappiamo già che la vendita di tale prodotto, al di là delle possibili ma non accertate implicazioni che potrebbero derivare dall’uso dello stesso, è oggi effettuata, promossa e pubblicizzata dai soggetti direttamente interessati come una vendita lecita, libera ed essenzialmente non riconducibile a specifiche prescrizioni.

Si tratterebbe di prodotti coltivati sulla base delle prescrizioni di cui alla legge n. 242 del 2016 e, conseguentemente, distribuibili e vendibili senza particolari limitazioni di sorta, se non sotto forma di raccomandazioni non vincolanti per l’esercente.

Considerata la confusione che c’è tra gli associati alla Federazione Italiana Tabaccai e soprattutto tra la clientela delle stesse tabaccherie Giovanni Risso, Presidente Nazionale della FIT chiede a nome dell’intera categoria: “un intervento chiarificatore sul tema, anche solo di tipo ricognitivo in ordine alla disciplina applicabile e soprattutto vorremmo conoscere quale sia la valutazione che gli Enti preposti (MEF, Ministero della Salute, Agenzia delle Dogane e Monopoli) ritengono di esprimere riguardo alla liceità o meno della vendita al pubblico dei prodotti a base di “cannabis light”. Resta inteso che in assenza di diverse indicazioni utili a rilevare profili di illeceità riguardo la vendita di tali prodotti, ci riterremo legittimati a ritenere tali attività non vietate dalla legge e, come tali, esercitabili anche dalla nostra rete”

Obbligo POS: Risso, “Non erogheremo servizi in perdita”

Nessuno più di noi tabaccai approva la diffusione dell’utilizzo della moneta elettronica. Dato infatti che non passa giorno senza che le nostre rivendite siano teatro di furti e rapine, è evidente che avere meno soldi nel cassetto ci renda meno appetibili per la criminalità”.

Queste le parole del Presidente Nazionale della Federazione Italiana Tabaccai, Giovanni Risso, che aggiunge: “Non si comprende perché lo Stato, pur nell’intento condivisibile di mettere in campo azioni volte al contrasto dell’evasione, voglia rischiare di perdere una rete che da sempre opera in un mercato fiscalmente trasparente. Quella delle tabaccherie è, infatti, la Rete ufficiale dello Stato e, anche per lo Stato, noi tabaccai eroghiamo servizi di pubblica utilità con margini di guadagno irrisori”.

Sottocategorie

Rassegna Stampa

Rassegna Stampa La rassegna stampa FIT

Comunicati stampa

Comunicati Stampa

x