Lotto: fino al 1 marzo potete presentare la domanda!

Il 2016 è stato un anno d’oro per il gioco del Lotto.

Un risultato importante che assume maggior rilievo in considerazione del fatto che il Lotto è uno dei pochi giochi, se non l’unico, che ha fatto registrare una crescita costante negli ultimi anni, con una raccolta passata dai 6,3 miliardi del 2013 a 6,6 miliardi del 2014, fino a sfondare il muro degli oltre 7 miliardi nel 2015.

Nel giro di 4 anni, l’incremento del gioco è stato davvero considerevole, per due ragioni: il Lotto è l’unico gioco che, in quanto riservato in via esclusiva ai tabaccai, anno dopo anno garantisce alla categoria linfa vitale, ed anche perché il volume di gioco costituisce l’indice su cui si basa la possibilità di assegnazione del gioco ai tabaccai ancora sprovvisti di ricevitoria.

I tabaccai oggi dispongono dell’occasione di potersi veder assegnata una ricevitoria del Lotto, quindi qualora non si sia ancora provveduto, tutti i tabaccai presentino immediata richiesta di assegnazione della ricevitoria Lotto all’Ufficio Regionale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli territorialmente competente.

Per i titolari di rivendita già presenti in graduatoria non c’è bisogno di ripresentare la domanda, risultando ancora valida quella a suo tempo avanzata.

Per tutti gli altri, invece, c’è tempo fino al 1 marzo prossimo per essere inseriti nelle graduatorie che verranno pubblicate prima dell’estate e poter così, nel giro di alcuni mesi, vedersi assegnato il gioco.

La disposizione che regola l’assegnazione di un nuovo punto di gioco del Lotto stabilisce l’attribuzione di una ricevitoria nei comuni sprovvisti con popolazione fino a 2.500 abitanti e l’assegnazione di due ricevitorie nei comuni sprovvisti con popolazione superiore a 2.500 abitanti.

Ovviamente, in tali comuni l’assegnazione prescinde da qualunque valutazione inerente la raccolta ed avviene in maniera automatica all’atto della presentazione della domanda.

Nei comuni dove siano operanti due o più punti di raccolta del Lotto, invece, il rilascio di nuove concessioni di gioco viene operato nel caso in cui l’incasso comunale medio annuo sia superiore ai 224.911,82 euro.

In tali casi, a seguito della presentazione della domanda, viene redatta un’apposita graduatoria (consultabile sul sito www.agenziadoganemonopoli.gov.it) suddivisa per comune e, al raggiungimento del predetto incasso comunale medio, si procede con le assegnazioni, seguendo l’ordine di presentazione.

Ricordate che il vostro Sindacato FIT è sempre a disposizione per qualunque dubbio o assistenza.

Il testo integrale di questo articolo è pubblicato sul n. 6 de La Voce del Tabaccaio del 13/02/2017
CERCA LA TABACCHERIA PIU' VICINA:

 
x